Questo corso permette di fare un’intensa esperienza di arrampicata su cascate di ghiaccio; è assai consigliato anche a coloro che vogliano muoversi con scioltezza e tranquillità in alta montagna, su terreno di ghiaccio e misto.
La partecipazione richiede esperienza di arrampicata o, in alternativa, pratica di ambiente invernale o di alta montagna, anche acquisita frequentando corsi organizzati dal CAI o da guide alpine.

Lezioni teoriche: alcuni lunedì in sede, dalle 19.30 alle 21.00, e durante i moduli pratici.
Uscite pratiche: 14 gennaio (Appennino), 19-21 gennaio (Alpi Orientali, Riva di Tures), 2-4 febbraio (Alpi Occidentali, Cogne); luoghi e date potrebbero variare per le condizioni del ghiaccio.

Iscrizioni: martedì 9 gennaio dalle 18.00 alle 19.00.

Quota d’iscrizione: 300 € (da versare all’atto dell’iscrizione).

La quota non comprende le spese di viaggio, vitto e alloggio. Comprende la nuova edizione del manuale Ghiaccio Verticale del CAI, l’uso del materiale comune, l’utilizzo di ramponi da ghiaccio, di piccozze da cascata, eventualmente imbragatura e casco.

Servono l’iscrizione al CAI per il 2018 (va bene anche quella 2017 che vale fino al 31 marzo) e un certificato medico per attività sportiva non agonistica.

Per la partecipazione al corso occorrono scarponi rigidi con attacco per rampone semiautomatico o automatico, discensore ATC Guide o reverso, cordino in kevlar per nodo autobloccante, cordino dinamico per longe di calata, 2 moschettoni HMS a ghiera a base larga, 2 moschettoni tipo “D” asimmetrici a ghiera.

Direttore: Andrea Galgani (345 6141 221 galgani@scienze.uniroma2.it)
Vice Direttore: Alessandro Palma (329 8045 808 sandor.alp@gmail.com)